La Pointe de Chaligne Skyrace valida come Trofeo Greundzo

La seconda edizione della skyrace, che partirà da Ville sur Sarre alle 9.30 di domenica 16 luglio e raggiungerà Pointe de Chaligne, a quota 2607 m, sarà valida come Trofeo Greundzo.

La manifestazione, patrocinata dal Comune di Sarre e organizzata grazie all'impegno di Giovanni Ienaro, già responsabile del Trail Team Scott Technosmedica, è infatti legata a doppio filo al territorio valdostano. 

In quest'ottica, un personaggio “tipico” come il Greundzo, nato dall'ispirazione di Enrico Massetto, con la sua connotazione burbera e un po' solitaria, rappresenta lo spirito di molti appassionati del trail running, che ricercano nello sport vissuto nella natura incontaminata una dimensione personale e istintiva, lontano dalla quotidianità moderna. In modo simpatico, il Greundzo ricorda proprio questo approccio verso la montagna, comune a molti atleti, che talvolta possono sembrare corrucciati e schivi ma che in fondo hanno un cuore buono e profondo rispetto per la natura.

Il Trofeo Greundzo, un prezioso manufatto in noce che verrà consegnato al primo classificato assoluto della manifestazione.

Alla scoperta del territorio valdostano con la Pointe de Chaligne Skyrace

La prova in salita da Sarre a Pointe de Chaligne del 16 luglio non sarà solo un momento di sport ma anche occasione di entrare in contatto con la cultura e la natura valdostana, promuovendo il territorio e il rispetto ambientale.(nella foto Elisabetta Negra Team Scott Technos Medica)

6 luglio 2017, Sarre (Ao) - Domenica 16 luglio la Pointe de Chaligne Skyrace permetterà a centinaia di appassionati della corsa in montagna di conquistare l'emozionante traguardo posto ai 2607 m di quota della cima delle Alpi Pennine. La manifestazione, la cui partenza avverrà alle 9.30 da Ville Sur Sarre (Ao), con il patrocinio del Comune di Sarre, non sarà però solo un momento di sport, ma una vera e propria occasione di trascorrere un fine settimana a contatto con la natura e la cultura valdostana.

L'evento infatti intende promuovere presso tutti i suoi partecipanti il valore del rispetto ambientale, dando occasione di apprezzare la purezza dei paesaggi attraversati e invitando i praticanti a preservarne l'incolumità, facendosi così interpreti di un principio etico fondamentale. La simbiosi con la natura sarà possibile grazie al suggestivo percorso di gara, ma il territorio offre anche numerose opportunità escursionistiche, a piedi o bicicletta, come ad esempio sulle antiche vie dei Salassi, l'antica popolazione di origine celtica che popolò la zona circa 2500 anni or sono.

Oltre alla bellezza paesaggistica, gli sportivi e i loro accompagnatori potranno ammirare anche esempi rappresentativi della cultura valdostana, quali il Castello di Sarre, sviluppato su una fortificazione del XIII secolo e rinnovato nei primi anni del '700 da Jean-François Ferrod d'Arvier, per poi diventare nel 1869 proprietà dei Savoia.

L'enogastronomia locale saprà appagare anche il palato dei gourmand più esigenti, con prodotti tipici tutelati dalla DOP come il Fromadzo e la Fontina,  lo Jambon de Bosses e il Lard d'Arnad, nonché con i prodotti delle sottozone della DOC Valle d'Aosta che contraddistinguono il territorio vinicolo come il Blanc de Morgex e de La Salle, l'Enfer d'Arvier, lo Chambave, il Torrette e il Nus.

Al ristoro finale della Pointe de Chaligne Skyrace sarà possibile degustare polenta e Fontina d'Alpeggio, il “Fricandò”, preparazione di carne tipica valdostana , con l'accompagnamento delle birre del Gran San Bernardo.

 

Volo virtuale

Edizione 2014